Come avviare un e-commerce di nicchia: consigli da seguire

Aprire un’attività online ha di certo i suoi vantaggi: è in netta crescita la percentuale di persone che si sta affidando agli e-commerce per gli acquisti. Tuttavia, quello su cui vogliamo concentrarci è: come avviare un e-commerce di nicchia? E che cos’è  esattamente il mercato di nicchia? Quello che vendiamo può determinare il successo o il fallimento del nostro business online: cerchiamo di capire come e perché.

Avviare un e-commerce: si parte da un’idea

Un e-commerce generico, anche di grandi dimensioni, non si differisce da tanti altri store online, il cui primo competitor è indubbiamente Amazon. Uno shop online, è vero, ha i suoi pregi e le potenzialità, ma occorre un buon business plan, e vendere prodotti di nicchia può condurre a una performance economica interessante. Tutti possono vendere online, e dal 2020 abbiamo assistito a un boom senza eguali.

Il trend di crescita ci suggerisce, tuttavia, che non bisogna lanciare uno shop con la filosofia del fai da te. La prima cosa da avere in mano, a conti fatti, è un’idea, qualcosa che possa contraddistinguere lo shop da tanti altri. Solamente in seguito, dopo aver effettuato un’analisi dei mercati di nicchia, ci si può rivolgere a una web agency, magari puntando a un hosting per Magento 2, particolarmente indicato per gli e-commerce.

Cosa vuol dire prodotto di nicchia: un mercato fortuito

Dal punto di vista economico, una nicchia di mercato viene descritta come un gruppo di persone interessate a determinati prodotti o servizi. Per fare degli esempi in breve, ci vengono in mente il mercato dei prodotti per animali, per gli sportivi, per il benessere e la bellezza, ma anche per bambini. Stiamo parlando di e-commerce principalmente monotematici, che scelgono un cliente tipo, per soddisfare i suoi bisogni in un dato settore.

Come trovare la nicchia di mercato per e-commerce?

Naturalmente, trovare la propria nicchia di mercato è una sfida. Non è facile, tutt’altro, e spesso ci vogliono mesi di lavoro. La fase di analisi può di certo aiutare a comprendere quali sono i trend attuali: cosa chiedono i clienti? Cosa stanno cercando? Quali sono gli interessi? Inoltre, è essenziale fare una netta distinzione tra un prodotto di nicchia e un target di nicchia.

Gli esempi di prima sono comunque molto competitivi. In linea di massima, dobbiamo proprio iniziare dalle ricerche del cliente tipo, ma non solo. Perché c’è una parte ancor più interessante: esiste la domanda consapevole, dunque che conosciamo già. Ed esiste la domanda latente del mercato, quella “vincente”: vendere un prodotto che ancora non si cerca, ma che si desidera inconsciamente.

Valutare la concorrenza può essere utile

Per gli imprenditori che puntano sulla nicchia, devono prepararsi ugualmente ad avere dei competitor. Sono pochi, non sono tanti, non sono magari dei colossi, non importa: ci sono e sfidano il nuovo e-commerce. A tal proposito potrebbe essere utile valutare determinati fattori: quali prodotti vendono di più (e a quale prezzo), qual è la loro comunicazione e quali sono le attività di marketing in atto.

Come creare l’offerta per un e-commerce di nicchia

Il lancio di un e-commerce è una fase critica ed emozionante al contempo, ed è facile comprendere il motivo. Da una parte c’è il desiderio di andare bene, di posizionarsi, di vendere il primo prodotto. Dall’altra convive la paura del fallimento. Per questo motivo, prepararsi è indispensabile. Come? Creando le offerte e le sponsorizzazioni.

Generalmente, si possono proporre delle offerte e delle promozioni, ma è fondamentale realizzare una campagna di marketing efficace. Un negozio fisico è destinato a essere visto in ogni caso. Un negozio online ha bisogno di una piccola spinta, che può darla Google, il motore di ricerca più utilizzato, o i social stessi. L’obiettivo è di aumentare il traffico verso il sito e iniziare a vendere ai clienti.

Quali sono i target di nicchia in trend?

In base all’analisi attuale, ci sono dei target che possono offrire delle nicchie di mercato molto interessanti. Ci riferiamo ai proprietari di animali, ai consumatori consapevoli e attenti, ai gamers, ai viaggiatori, a coloro che amano mantenersi in forma.

Al primo posto troviamo proprio la sostenibilità, un tema quanto mai attuale. Il trend è in crescita: sono sempre di più le persone che acquistano prodotti vegani, sostenibili o cruelty free sul web. Certo, ci vuole tempo per trovare il prodotto/servizio giusto. Ma la soddisfazione di avviare un e-commerce di nicchia è molto alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.